utenti collegati

Acidi grassi e Omega3

Quali sono gli effetti benefici principali degli acidi grassi Omega3?

Spesso ci si riferisce ai grassi con termini negativi. Probabilmente ci dimentichiamo che spesso li scegliamo in maniera scorretta e li consumiamo in grandi quantità durante l'età adulta, rendendoli causa dello sviluppo di alcune malattie comuni come il diabete, l'obesità, il cancro, coronaropatia, ecc.
I trigliceridi sono i grassi più abbondanti in natura e sono composti da diversi acidi grassi; ce ne sono di tre tipi: acidi saturi, monoinsaturi e polinsaturi, ognuno dei quali possiede differenti funzioni nel corpo umano.
Gli acidi grassi sono "mattoncini" per costruire gli altri lipidi del corpo, stimolando e garantendo le funzioni vitali dell'essere umano. Funzionano come una riserva energetica (protezione contro agenti esterni come quelli climatici), sono componenti principali per le membrane cellulari, prendono parte alla formazione di un importante gruppo di composti ormonali come le prostaglandine, i trombossani e i leucotrieni che sono chiamati in causa in molti processi fisiologici associati al sistema nervoso centrale, alle funzioni ormonali, alla regolazione della pressione sanguigna, al trasporto del colesterolo, ai meccanismi immunologici e reazioni infiammatorie.

All'interno degli acidi grassi polisaturi troviamo:
l'acido linolenico (o acido grasso Omega6 - LA) o l'acido grasso alfa-linolenico (o acido grasso Omega3 - ALA) entrambi acidi grassi essenziali. Il termine "essenziale" sta ad indicare il fatto che il nostro organismo non è in grado di riprodurli e quindi è essenziale fornirli attraverso l'alimentazione.

Tra gli acidi grassi Omega3 sono inclusi l'alfa-linolenico (ALA), l'eicosapentaenoico (EPA) ed il docosaesaenoico (DHA). Il più importante tra questi è senz altro l'ALA, perchè è considerato un acido essenziale.

Quali sono gli effetti benefici principali degli acidi grassi Omega3?
  • Riducono il rischio di CHD (malattie alle arterie coronarie)e ictus grazie ad una moltitudine di meccanismi:
    - nel sangue: abbassando le concentrazioni di triacilgliceròli del plasma, aumentando il "colesterolo buono" (HDL) e diminuendo l'effetto aggressivo del "colesterolo cattivo" (LDL) sui vasi sanguigni;
    - riducendo la tendenza alla coagulazione del sangue;
    - diminuendo il rischio di aritmia.
  • Rinforzano il sistema nervoso, prevenendo:
    - disordini comportamentali come la disprassia, la dislessia e l'iperattività;
    - diminuzione dell'acuità visiva;
    - disordini mentali come depressione post-parto e demenza.
  • Riducono le reazioni antinfiammatorie esagerate nel corpo umano:
    - prevenendo e migliorando i sintomi di malattie infiammatorie e autoimmunitarie (artrite reumatoide, lupus eritematoso, psoriasi, colite ulcerosa, asma, diabete);
    - evitando danni infiammatori ai vasi sanguigni.
  • Prevenendo e combattendo le cellule maligne, proteggendo contro l'insorgere e l'avanzamento di alcuni tipi di cancro.
Gli acidi grassi trans sono dannosi per la salute dell'uomo in quanto l'organismo li confonde. La loro forma chimica infatti a quella degli acidi grassi Omega3 e Omega6 e quindi il corpo li usa per le stesse funzioni. Tuttavia, siccome sono strutturalmente diversi, le membrane cellulari che hanno bisogno di assorbirli diventano rigide. Ciò causa diversi inconvenienti inclusa la resistenza all'insulina che favorisce il diabete di tipo 2. Il consumo di acidi grassi trans aumenta i rischi di cardiopatia incrementando anche i livelli di LDL e decrementando i livelli di HDL.

I semi di Chia sono la migliore sorgente naturale di acidi grassi Omega3 attraverso l'acido alfa-linolenico. Si ricordi che questo acido grasso è considerato essenziale ed è anche più equilibrato degli acidi grassi EPA e DHA.

Contenuto totale di acidi grassi Omega3 di cibi selezionati
% di omega3 (ALA) in alcuni semi
grafico1Chia:64 Lino:54 Perilla:53 Camelina:36 Canapa:20 Dado:14 Canole:13 Soia:8 Olive:1,5 Sesamo:0,3 Girasole:0,3 Cartamo:0,2
 
 
% di omega3 (ALA + EPA + DHA) in alcuni pesci
grafico2Salmone:36 Alosa:28 Sardine:24 Fegato di merluzzo:20 Aringa:12

% di omega3 (ALA + EPA + DHA) in 100g di alcuni prodotti di derivazione animale
grafico3
Aringa:1,7 Salmone selvaggio:1,5 Salmone allevato:1,3 Tonno:1,3 Carne:0,43 Pollo:0,3 Carne di maiale:0,09 Latte:0,08 Uova:0,07
 
% di omega3 (ALA + EPA + DHA) in alcune alghe e microalghe
grafico4Rhodomella confervoides:41 Schizochytrium sp.:26 Chlorella minutissima:22 Tetraselmis suecica:14 Enteromorfa spp:10 Glosifonia capillaris:5 Spirulina platensis:1

null